tapascio.net 

la corsa come stile di vita

ho iniziato a correre da ragazzino. mi piaceva la pista, anche se mi allenavo su strada.

ho iniziato a fare sul serio quando sono entrato nel mondo del lavoro. il mio è uno di quelli dove è previsto che ci sia anche la cura della persona attraverso lo sport.

sono stato tesserato

per la “goccia di carnia”, società molto attiva nel mondo dell’atletica amatoriale friulana negli anni ottanta/novanta.

dopo un anno, il 1995, corso per gli “amatori esercito mantova”, sono rientrato nella “goccia” fino al suo scioglimento, per poi passare al “gruppo marciatori udinesi”. nel 2006 con alcuni amici del paese dove risiedo, abbiamo fondato un gruppo per partecipare alle staffette del telethon. nel 2011 questo gruppo si è ufficialmente costituito ed ora corro le gare con il gmu e le non competitive con “chei di riclûs”.

amo l’atletica. da sempre.

i miei idoli da ragazzino si chiamavano scartezzini, fava, fiasconaro, ambu, ortis e poi ovviamente mennea, simeoni, dorio…

e più avanti tanti altri, su tutti bordin e poli, due atleti che quando correvano per me si fermava il mondo.

ho seguito e seguo tutto lo sport. le olimpiadi per me sono settimane paradisiache. come tutti (non mentite, dai…) mi piace il calcio, anche se il mio “tifo” è un po’ raffreddato da tutti gli scandali che attraversano questo sport.

per il futuro mi piacerebbe continuare a correre, compatibilmente con le mie capacità. mi piacerebbe restare in quello che considero il “mio” sport.

correre mi ha dato tanto e nel mio piccolo, soprattutto qualche decennio fa, qualcosina al movimento ho dato anch’io.

continuerò a praticare la corsa seguendo quello che qualche tempo fa scrivevo nel mio primo blog:

“mai un campione ma per sempre un corridore”.

p.s. su questo sito, difficilmente vedrete una lettera maiuscola. è voluto, non è un errore.

perché le maiuscole sono cose serie, non vanno sprecate. un po’ come i complimenti.


n° visitatori dal 16/05/06